I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok

Finanziamenti

Rafforzare i settori emergenti

È necessario sostenere e promuovere l’attività di ricerca e innovazione delle imprese in materia di tecnologie abilitanti al fine di rafforzarei servizi e i settori emergenti, con particolare attenzione alla promozione degli investimenti del settore privato a favore di R&D e affrontare i problemi specifici delle PMI.   

Investimenti strategici e consolidamento della leadership

Le azioni prioritarie devono riguardare: l’aumento degli investimenti strategici e il consolidamento della leadership nel settore attuale e futuro delle tecnologie industriali e dei servizi, fornendo un sostegno su misura alle TIC (tra cui la micro-/nanoelettronica e la fotonica); la nanotecnologia, i materiali avanzati, i sistemi di fabbricazione avanzati, le tecnologie a basse emissioni di carbonio e di adattamento, assicurando in particolare un approccio integrato alle principali tecnologie abilitanti con un più facile accesso al capitale di rischio (sulla base del meccanismo di finanziamento con ripartizione del rischio del 7° PQ e degli strumenti finanziari del CIP).  

Innovazione radicale e incrementale

Le politiche dei vari programmi europei dovrebbero svilupparsi all’interno del sistema dei distretti industriali in modo da consentire alle varie aziende di collaborare per sviluppare l’INNOVAZIONE INCREMENTALE e RADICALE attraverso relazioni che permettano la gestione dell’innovazione. Tali relazioni dovrebbero svilupparsi attraverso un’opportuna rete di centri di ricerca che contribuisca alla creazione di nuove tecnologie.

Valorizzare il distretto

Bisogna creare e mantenere un legame proficuo tra il mondo della ricerca e l’industria, nell’ottica di valorizzare il distretto di imprese emiliano romagnole, tradizionalmente caratterizzato da una forte vocazione industriale.  

Innovazione radicale

È necessario creare le premesse per un'innovazione radicale che aiuti il distretto a superare i propri limiti, in particolare la tendanza a perfezionare un prodotto o una tecnologia senza accorgersi che il mondo si muove in un’altra direzione. Infatti, a differenza dell'innovazione continua di prodotto nella quale eccelle l'industria giapponese per esempio, l’innovazione radicale che comporta il salto di qualità e il progresso tecnologico netto non si limita all’intelligenza, al Know How e al Know Why, ma ha molte più chances di realizzarsi in un contesto di contaminazione di idee. Il pensiero laterale che facilita il salto di qualità è stimolato da “vedere il problema” da altri punti di vista.

Stimolare la cultura

Bisogna stimolare la cultura e fornire strumenti per fare in modo che ogni singola azienda riesca a generare e a selezionare le idee che valga la pena sviluppare non solo in un'ottica di breve durata ma anche e soprattutto pensando al futuro.

Tutto ciò può avvenire attraverso:

  • la predisposizione di progetti cofinanziati dalla BEI,
  • la proposizione di nuove formule per fondi di garanzia,
  • le convenzioni con capitale privato,
  • l'utilizzo del finanziamento pubblico.